logo1210

header

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 
Lo split payment, detto anche scissione contabile, con la Legge di Stabilità del 2015 ha imposto alla Pubblica amministrazione di pagare ai fornitori l’importo dovuto al netto dell’Iva, la quale viene versata direttamente all’Erario, con la finalità di contrastare il rischio evasione. 
Il Documento di Economia e Finanza (DEF 2017), approvato dal Consiglio dei Ministri martedì 11 aprile 2017, ha esteso lo split payment anche ai professionisti. La  manovra correttiva da 3,4 miliardi, approvata dal consiglio con una formula «salvo intese» che lascia quindi aperte ulteriori limature e correzioni tecniche, si è resa necessaria per riequilibrare i conti pubblici.
Ad oggi una norma escludeva dalla scissione contabile i “compensi per prestazioni di servizi assoggettati a ritenute alla fonte a titolo di imposta sul reddito”, ovvero le parcelle dei professionisti.
Dal 1° luglio  è stato, pertanto, esteso l’ambito di applicazione del meccanismo dello split payment (scissione dei pagamenti) a tutti quei professionisti che lavorano con la Pubblica Amministrazione, con le società partecipate dalla PA e con le società quotate.
Settembre 2017
D L M M G V S
27 28 29 30 31 1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30

 fondazione

Accedi a Imateria 3 02

applicativo

Footer tutti 2-01